Advertisement
 
 
n.3/2012 Perchè questa Newsletter

PERCHÉ QUESTA NEWSLETTER
L’attività del Centro In Europa è ripresa da tempo ma ci fa piacere approfondire un poco notizie che ci riguardano e altre che ci sono offerte dai nostri interlocutori.
Dal punto di vista dei progetti, sono in  corso “Edubank – Progetto di formazione e mediazione tra cittadini stranieri e sistema finanziario” e “Un E-book per l’Europa”, tentativi, in ambiti molto diversi, di tradurre in pratica principi e politiche dell’Unione europea: coniugare l’immigrazione con l’integrazione nelle nostre società; accrescere il ruolo della scuola nel creare cittadini europei consapevoli e partecipi.
Poiché continuiamo a considerare il Mediterraneo un argomento di primario interesse – anche se la crisi dell’Europa l’ha resa maggiormente ripiegata su sé stessa – abbiamo chiesto al socio Vittorio Guandalini di scriverci una breve cronaca dalla Tunisia, paese che conosce e frequenta da molti anni e che sta attraversando un periodo molto delicato di transizione; e riportiamo con grande piacere la notizia, proveniente dal prof. Hamadi Agrebi, che avevamo avuto ospite per l’evento finale del progetto Edumed nell’aprile di quest’anno, che è nata un’associazione che promuove i legami culturali e linguistici tra la Tunisia e l’Italia.     
Quest’anno ricorrono i 20 anni del Centro In Europa e stiamo per questo lavorando a un numero “speciale” della rivista In Europa.
Sosteneteci con le vostre idee e proposte, associatevi al Centro In Europa e abbonatevi ad “In Europa”. Quella attuale è una fase molto difficile per le organizzazioni culturali come la nostra e la vostra collaborazione è quindi ancor più essenziale.

Roberto Speciale, Carlotta Gualco

 
 
 
© 2017 Centro in Europa - CF 95028580108 - PI 01427710999